‘FINAL EIGHT’ DI COPPA ITALIA Semifinale – Trascinata da Travis Diener la Vanoli Cremona è la prima finalista

Avatar Matteo Carniglia | 16 Febbraio 2019 159 Views 0 Likes 5 On 2 Ratings

Vota


 

La Vanoli Cremona è la prima finalista della Coppa Italia 2018-19. I ragazzi del coach della nazionale Meo Sacchetti si impongono per 102-91 al termine di una quasi sempre condotta. Miglior giocatore della gara Travis Diener autore di 26 punti.

PRIMO QUARTO: La Vanoli, dopo un avvio frizzante ed equilibrato, ha provato a dare il primo strappo con le triple di Diener e Adridge che hanno portato i biancoblu a +8 (17-9). Sacripanti è però corso subito ai ripari inserendo Kravic – rientrato nelle rotazioni al posto di capitan Qvale – e la mossa si è rivelata fruttuosa perché il lungo serbo ha dato la svolta al gioco bianconero con il suo grande atletismo che ha ispirato il parziale di 11-1 che è valso il nuovo vantaggio felsineo (20-18), cancellato prima della fine del quarto d’apertura dai canestri di Mathiang che hanno portato al 21-20 lombardo al suono della sirena.

SECONDO QUARTO: La partita ha però ben presto ricambiato padrone perché le stilettate di Aradori (8 punti in meno di due minuti) e un antisportivo su Martin hanno dato il la al nuovo parziale dei bianconeri che hanno allungato a +6 a 8’ dall’intervallo lungo (29-23). Per rimettere a posto le cose la Vanoli ha dovuto attendere l’ennesima fiammata dell’accoppiata Diener-Crafword, la quale ha nuovamente capovolto l’inerzia del match confezionando un controbreak di 15-4 per i 38-33 cremonese. Un vantaggio biancoblu che Punter e Aradori sono riusciti ad azzerare prima della salita in cattedra di Mathiang, diventato, all’uscita dal campo di Kravic (secondo fallo per lui), padrone assoluto dei tabelloni e propiziatore, assieme ad un Diener scatenato, del 59-43 lombardo arrivato a 30” dall’intervallo lungo e al culmine di un parziale di 21-4.

TERZO QUARTO: I ritmi sono rimasti piuttosto alti anche in un avvio di terzo quarto in cui le squadre hanno faticato maggiormente a trovare il bersaglio. Una situazione che ha favorito e non poco la Virtus, trascinata dal solito Aradori e da un ritrovato Taylor fino al -6 a 3’40” dalla terza sirena (66-60). A stoppare l’emorragia ci ha pensato Saunders con un gioco da tre punti che ha spianato la strada alla sfida a colpi di triple tra Punter, Ricci, Aradori e Saunders, autore a dire il vero di un canestro con fallo e libero convertito in canestro che ha chiuso la frazione.

QUARTO QUARTO: La tripla di Adridge e l’antisportivo di Aradori su Ruzzier hanno complicato ulteriormente le cose per le “vu nere”, scivolate nuovamente a -14 a 6’40” dalla conclusione delle ostilità (84-70), e hanno ovviamente rilanciato le ambizioni e il morale di una Cremona che ha poi chiuso i conti con le triple di Ricci e Crawford. Le bombe di Punter e Taylor su fronte opposto hanno infatti soltanto alleggerito il passivo finale. Risultato conclusivo 102-91. Mvp della gara Travis Diener.

VANOLI CREMONA - SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA 102 - 91 (21-20; 59-44; 75-68)

VANOLI CREMONA: Saunders 17, Feraboli ne, Gazzotti, Diener 26, Ricci 6, Ruzzier 6, Mathiang 19, Crawford 17, Aldridge 9, Stojanovic 2. All.Sacchetti

SEGAFREDO BOLOGNA: Punter 19, Martin 4, Moreira 4, Pajola, Taylor 14, Baldi Rossi, Cappelletti ne, Kravic 10, Aradori 26, Berti, M'Baye 9, Cournooh 5. All.Sacripanti

MVP: Travis Diener


Scritto da Matteo Carniglia

  • © 2013 - 2018 A.S.D. OMNIA SPORTS - C.F./P.Iva: 04258560616 - Tutti i diritti riservati
    Streambasket è testata giornalistica sportiva reg. Trib. Santa Maria C.V. n. 826 il 05/06/2014 - Direttore Responsabile: UMBERTO DE MARIA -
    email: streambasket@gmail.com Per la Redazione scrivere a: redazionestreambasket@gmail.com

    La collaborazione con il portale web StreamBasket.com è aperta a tutti ed è totalmente gratuita e non retribuita.
    Pertanto l'Associazione Sportiva Dilettantistica OMNIA SPORTS e la sua Direzione non sono vincolati verso coloro che producono articoli scritti e servizi in video ed audio, salvo accordi sottoscritti in precedenza.