Coach Sacripanti: “La vittoria più grande è riuscire a mantenere la stessa identità dello scorso anno. Contento per la squadra”

Avatar Claudia Ricciuto | 24 settembre 2016

13 Views 0 Valutazioni Vota

Visibilmente soddisfatto e contento della prestazione dei suoi ragazzi, così coach Sacripanti in conferenza stampa post-partita. Ecco un estratto proposto dalla Redazione di Stream Basket: “Sono contento per vari motivi: prima di tutto perché in maniera un po’ personale sono fortunato ad avere Joe Ragland in questo momento della sua carriera. È sempre stato un giocatore di talento, invece io credo che questo sia il momento più importante della sua carriera. Poi sono contento perché questa squadra anche se oggettivamente non ha giocato bene e abbiamo dovuto rifare gli schemi ogni giorno per adattarli a Fesenko (che poi non ha giocato), siamo riusciti lo stesso a conquistare la vittoria e ad avere la stessa identità dello scorso anno. A questo proposito devo ringraziare Parlato, Severini, Green che fanno capire ai compagni qual è il giusto stile e modo di allenarsi. Terzo sono contento di giocare una finale perché ci piacerebbe alzare il trofeo e faremo di tutto per riuscirci: è un’esperienza che spero possa dare i suoi frutti durante la stagione, soprattutto per capire fino a che punto possiamo spingerci.

Foto di Viktoriya Lopukh

Foto di Viktoriya Lopukh

Abbiamo giocato di gruppo… Fesenko non ha giocato perché ieri si è fatto male in allenamento, pestando il piede di Ragland e questo indubbiamente ha influito sul morale di tutta la squadra. E’ stato molto importante giocare con Thomas da 4, dove abbiamo recuperato 3,4 palloni e siamo stati bravi a cambiare strategia quando Reggio ha cominciato a pressarci; alla fine però ho deciso di ritornare alla normalità inserendo Leunen in campo.Non credo che Cusin abbia subìto Cervi:

Rispetto allo scorso anno abbiamo perso l’intelligenza cestistica di Acker e Veikalas, ma abbiamo acquistato molto di più dal punto di vista fisico e atletico. Gli errori? Solo con gli allenamenti miglioreranno e si arriverà al giusto compromesso, considerando anche che Green e Leunen hanno un anno in più e Cusin non è freschissimo fisicamente, per cui è stato giusto puntare molto sulla potenza fisica.


Scritto da Claudia Ricciuto


  • © 2013 - 2018 A.S.D. OMNIA SPORTS - C.F./P.Iva: 04258560616 - Tutti i diritti riservati
    Streambasket è testata giornalistica sportiva reg. Trib. Santa Maria C.V. n. 826 il 05/06/2014 - Direttore Responsabile: UMBERTO DE MARIA -
    email: streambasket@gmail.com Per la Redazione scrivere a: redazionestreambasket@gmail.com

    La collaborazione con il portale web StreamBasket.com è aperta a tutti ed è totalmente gratuita e non retribuita.
    Pertanto l'Associazione Sportiva Dilettantistica OMNIA SPORTS e la sua Direzione non sono vincolati verso coloro che producono articoli scritti e servizi in video ed audio, salvo accordi sottoscritti in precedenza.



Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Informativa Privacy | chiudi