Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

LBA – Avellino did it again! battuta la corazzata Milano 85 – 81

La Sidigas Avellino compie un’altra grande impresa e sconfigge l’imbattuta Armani Exchange Milano con il punteggio di 85 – 81. Grande prova per gli uomini di coach Vucinic, che, nonostante la palese inferiorità fisica e con rotazioni accorciate, riesce a sfoderare una grande prova di orgoglio e disciplina tattica. L’MVP del match non può che essere Keifer Sykes, autore di una prestazione monstre con 31 punti, 7 assist e 4 rimbalzi per un 37 di valutazione.

Primo quarto: Coach Vucinic schiera in quintetto Sykes, Filloy, Nichols, Green e Young, mentre coach Pianigiani risponde con James, Bertans, Fontecchio, Brooks e Gudaitis. Partenza sul filo dell’equilibrio, con i lupi che provano qa correre in transizione e i meneghini che si affidano alle magie di James (7 – 9). Milano sfrutta le lacune fisiche degli avellinesi catturando numerosi rimbalzi offensivi, ma gli uomini di coach Vucinic combattono e riescono a mettere la testa avanti, costringendo coach Pianigiani al time out (17 – 13). Milano continua a segnare da sotto ma Avellino tiene testa e con una tripla di Filloy si porta sul +7 (24 – 17). La prima frazione di gioco termina con una bomba di Jerrels che riporta i meneghini sul -4 (24 – 20).

Secondo quarto: Alla ripresa aumenta il tono difensivo delle due compagini, che fanno fatica a trovare la via del canestro (26 – 25 dopo 3′). Milano è pigra e inizia ad accontentarsi del tiro da fuori con bassissime percentuali, gli irpini sono bravi ad approfittare degli errori degli avversari e a volare in contropiede (36- 29). Un sontuoso Sykes segna da sotto facendo saltare Gudaitis, ritoccando il massimo vantaggio irpino (40 – 32). I meneghini serrano le maglie in difesa e si procurano numerosi tiri liberi tornando sino al -1 e costringendo coach Vucinic al time out con 37.4″ sul cronometro (40 – 39). Due liberi di Green rispondono al canestro di Kuzminskas, permettendo ai lupi di andare all’intervallo in vantaggio (42 – 41).

Terzo quarto: Micov prende per mano i suoi e con 8 punti di fila riporta i meneghini in vantaggio (48 – 51). La Sidigas va in difficoltà, con Nichols che commette in un amen 3 falli, ma è brava a punire la difesa troppo aggressiva dei lombardi, che esauriscono il bonus con più di 4′ da giocare nel terzo periodo (50 – 51). Della Valle prova a spezzare le gambe ai lupi con una bomba, ma Sykes inchioda una schiacciata mostruosa in contropiede che vale la nuova parità, infiammando il DelMauro (54 – 54). Milano non riesce più a segnare, Sykes (29 punti alla fine del quarto) è in un momento di pura poesia e dominio e riporta i suoi nuovamente sul +7 (63 – 56). Due liberi di Micov fissano il punteggio al termine del quarto sul 63 – 58.

Quarto quarto: Avellino è ancora a secco dopo quasi 3 minuti di gioco, e Milano si riporta sino al -1, con coach Vucinic che decide di parlarci su (63 – 62). Filloy sblocca i suoi con una bomba, ma Milano ora gioca sul serio e James riporta i meneghini in vantaggio (66 – 67). Un antisportivo procurato da Young permette alla Sidigas di incamerare 4 punti in un solo possesso, che si riportano a 3 lunghezze di vantaggio (74 – 71). Gudaitis domina a sprazzi sotto canestro, ma ancora una volta i lupi tengono botta e l’inchiodata di Young vale il nuovo +6 irpino (81 – 75). Una banale palla persa di James lancia il contropiede di Green che inchioda a schiacciata del +4 a 18.6″ dal termine (83 – 79). I liberi di Filloy sigillano l’ennesima impresa di Avellino, che sconfigge gli imbattuti campioni d’Italia con il punteggio di 85 – 81.

SIDIGAS AVELLINO – A|X ARMANI EXCHANGE MILANO: (24 – 20; 42 – 41; 63 – 58; 85 – 81)

SIDIGAS AVELLINO: Young 6, Green 18, Bianco ne, Nichols 9, Filloy 15, Campani 4, Sabatino ne, Campogrande, D’Ercole, Sykes 31, Spizzichini 2.

A|X ARMANI EXCHANGE MILANO: Della Valle 9, James 14, Micov 12, Gudaitis 17, Bertans, Fontecchio 5, D’Ambrosio ne, Kuzminskas 13, Cinciarini, Burns 6, Brooks, Jerrels 5.