Basketball World Cup 2019 – Troppa Serbia per l’Italbasket: fatale l’ultimo periodo, finisce 92-77

Avatar Enrico Longo | 4 Settembre 2019

39 Views 5 On 1 Rating Vota

 

Termina con un k.o. la prima fase mondiale dell’Italia, costretta ad arrendersi, 92-77, ai “colpi” serbi.

PRIMO QUARTO

Al quintetto azzurro (Belinelli, Biligha, Gallinari, Datome e Hackett) risponde quello della Serbia con Bogdanovic, Lucic, Milutinov, Bircevic e Jovic. All’iniziale vantaggio azzurro, con il libero di Marco Belinelli, succede quello serbo con Bogdan Bogdanovic da 3. Le prime battute sono all’insegna dell’equilibrio, nonostante la perfezione dall’arco (3/3) del tiratore dei Sacramento Kings, dalla linea del tiro da tre. Le prime prove di allungo dei giocatori di Sasha Djordjevic sono ad opera, come facilmente prevedibile, della coppia di lunghi, Nikola Jokic e Boban Marjanovic. 28-24 per la Serbia al primo mini-intervallo.

SECONDO QUARTO

I problemi sotto le plance persistono, ma i canestri pesanti di Awudu Abass e Alessandro Gentile ricuciono quasi totalmente il gap, portando l’Italbasket a -2 (29-31) e costringendo al time out la Serbia. L’interruzione fa bene ai balcanici, che ritornano prepotentemente in controllo grazie a un break di 8 punti. Le fasi centrali del quarto sono particolarmente vivaci, gli azzurri sono attenti a non fare scappare mai gli avversari oltre la doppia cifra di vantaggio. I canestri di Belinelli e Gallinari compensano i tanti doppi e tripli possessi concessi. Finisce 50-42 il primo tempo dell’ultima partita del gruppo D. L’ottimo 54% dal campo tiene in vita Datome e compagni.

TERZO QUARTO

La ripresa comincia con in campo le prime 5 “pedine” schierate per entrambe le selezioni, a eccezione di Jokic. L’Italia è motivata e ritorna nel match (53-55) con un Gallinari infuocato dalla distanza. L’aver raggiunto il bonus di 5 falli troppo presto è un problema non trascurabile, infatti è proprio con i tiri liberi che i serbi ritrovano la fiducia. Raduljca è il principale fattore del quarto, per lui 4 “viaggi” in lunetta da cui trae 7 punti. L’attacco italiano si inceppa. La Serbia guida, prima dell’ultimo periodo, di 13, massimo vantaggio. 70-53.

QUARTO QUARTO

Nonostante nuovi tentativi di ridurre lo svantaggio, le troppe palle perse e gli errori, anche grossolani, in difesa non permettono di soddisfare i sogni di rimonta. I serbi allungano definitivamente negli ultimi 5 minuti, vincono 92-77 e conquistano il primo posto nel girone. I 15 punti di differenza testimoniano il divario che esiste tra le due squadre, anche se è corretto ricordare che per più di 30 minuti, l’Italia ha dimostrato di potersela giocare con una delle principali pretendenti al titolo. Il miglior realizzatore della serata è Bogdan Bogdanovic con 31 punti, per l’Italbasket, si “ferma” a 26 Danilo Gallinari.

Nella prossima fase a gironi, Italia e Serbia troveranno le migliori del gruppo C, Spagna e Porto Rico.

ITALIA: Della Valle, Belinelli 15, Gentile 11, Biligha, Brooks 2, Gallinari 26, Datome 5, Hackett 13, Tessitori, Filloy ne, Abass 5, Vitali. All. Sacchetti

SERBIA: Simonovic, Bogdanovic 31, Bjelica 5, Lucic 2, Raduljca 12, Bircevic, Jokic 15, Milutinov 4, Micic 6, Guduric, Jovic 11, Marjanovic 6. All. Djordjevic

 

Commenta con Facebook


Scritto da Enrico Longo


  • © 2013 - 2018 A.S.D. OMNIA SPORTS - C.F./P.Iva: 04258560616 - Tutti i diritti riservati
    Streambasket è testata giornalistica sportiva reg. Trib. Santa Maria C.V. n. 826 il 05/06/2014 - Direttore Responsabile: UMBERTO DE MARIA -
    email: streambasket@gmail.com Per la Redazione scrivere a: redazionestreambasket@gmail.com

    La collaborazione con il portale web StreamBasket.com è aperta a tutti ed è totalmente gratuita e non retribuita.
    Pertanto l'Associazione Sportiva Dilettantistica OMNIA SPORTS e la sua Direzione non sono vincolati verso coloro che producono articoli scritti e servizi in video ed audio, salvo accordi sottoscritti in precedenza.