Milano trionfa al PalaBigi ‘bloccando’ Reggio Emilia all’ultimo posto in classifica

Avatar Giovanni Nicotera | 12 Marzo 2019 142 Views 0 Likes 5 On 1 Rating

Vota


 

Vince Milano contro una Reggiana che è rimasta in partita fino all’ultimo quarto nel quale i meneghini hanno alzato il ritmo portando a casa l’incontro senza troppa fatica nonostante le assenze importanti di Nunnally e Jerrels e con la testa probabilmente già all’incontro di giovedì con l’Olympiacos fondamentale per raggiungere i playoff in Eurolega.  Per i locali buona la prova di Bryon Allen miglior realizzatore dell’incontro con 21 punti ma troppi gli errori nei momenti importanti.  Coach Pillastrini nella conferenza stampa dichiara che Reggio non si deve né illudere né deprimere da questa sconfitta ma dovrà mettere in campo un’altra grinta e fisicità per vincere i confronti diretti nella corsa alla salvezza.

Primo quarto: Milano si presenta a Reggio Emilia con il grande ex Amedeo Della Valle applauditissimo dal pubblico del Bigi che ha ammirato le sue gesta per 4 stagioni raggiungendo due finali scudetto con un grande contributo della guardia di Alba. Per la Reggiana indisponibili Richard e De Vico mentre i lombardi devono rinunciare a Nunally e Jerrels. La gara si mantiene in equilibrio grazie a Allen principale bocca da fuoco della Reggiana già a quota 9 nei primi dieci minuti di gioco. Per Milano il miglior marcatore è Mike James con 8 unità.

Secondo quarto: Si parte con un 5-0 targato Olimpia con tripla di Kuzminskas che costringe coach Pillastrini a chiamare time out. Alla ripresa il lituano mantiene la mano calda sparando la bomba che dà il massimo vantaggio agli ospiti sul 25 a 18 replicato pero da un tiro pesante di Mussini dall’altro lato del campo che muove lo score della Grissin Bon (21-25). Il nativo di Reggio Emilia si ripete poco dopo segnando il jumper del pareggio a quota 25.  L’Olimpia prova l’allungo nei minuti finali ma un canestro di Ortner a fil di sirena manda le due squadre al riposo appaiate nel punteggio con i locali sotto di un solo punto sul 33 a 34.

Terzo quarto: Al rientro in campo l’Armani spinge immediatamente sull’acceleratore piazzando un parziale di 6-0 e tappando la via del canestro a Reggio per quasi 3 minuti. È Allen a violare la retina dei meneghini con la tripla del 36-40. La Grissin prende fiducia e si ripete con Dixon che porta i suoi a -1 (39-40) con un altro tiro dall’arco. Gli emiliani realizzano il sorpasso sul 48 a 47 con un sottomano di Allen ed e pandemonio al Palabigi che diventa una bolgia. Milano si ricompone e con un altro parziale (11-3) torna saldamente in testa chiudendo il quarto avanti di 7 (58-51).

Quarto quarto: Reggio tenga l’impresa rimanendo a -4 (58-62) con 5 minuti ancora da giocare ma la tripla dall’angolo di Fontecchio ributta indietro i biancorossi. Milano controlla la gara senza troppe difficolta amministrando il ritmo e infliggendo alla Reggiana un’altra sconfitta a domicilio e la settima di fila.

Il Tabellino

Grissin Bon Reggio Emilia – Olimpia Milano 67 - 71       (18 - 17,33 - 34,51 - 58).

Grissin Bon Reggio Emilia: Mussini 11, Allen 21, Dixon 8, Candi, Aguilar NE, Gaspardo 9, Vigori NE, Cervi 9, Ortner 7, Llompart 2, Porello NE, Diouf. Allenatore: Pillastrini

 Olimpia Milano: Della Valle 9, James 14, Micov 5, Fontecchio 6, Tarczewski 10, Kuzminskas 14, Cinciarini 3, Burns 4, Brooks 6, Omic, Musumeli.

Allenatore: Pianigiani.

 


Scritto da Giovanni Nicotera

  • © 2013 - 2018 A.S.D. OMNIA SPORTS - C.F./P.Iva: 04258560616 - Tutti i diritti riservati
    Streambasket è testata giornalistica sportiva reg. Trib. Santa Maria C.V. n. 826 il 05/06/2014 - Direttore Responsabile: UMBERTO DE MARIA -
    email: streambasket@gmail.com Per la Redazione scrivere a: redazionestreambasket@gmail.com

    La collaborazione con il portale web StreamBasket.com è aperta a tutti ed è totalmente gratuita e non retribuita.
    Pertanto l'Associazione Sportiva Dilettantistica OMNIA SPORTS e la sua Direzione non sono vincolati verso coloro che producono articoli scritti e servizi in video ed audio, salvo accordi sottoscritti in precedenza.